Ancora una volta il Senatore Vincenzo Presutto interviene nella vita politica della città di Napoli, all’indomani di un Consiglio Comunale che ha sancito con ogni evidenza il senso di responsabilità dell’aula consiliare, e lo fa attaccando nuovamente il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l’operato della sua giunta.
All’indomani della seduta del Consiglio Comunale sulla votazione del rendiconto di bilancio, in cui è prevalso il senso di responsabilità di una maggioranza istituzionale in difesa e a sostegno della città di Napoli, il Senatore pentastellato dalla sua pagina fb, commentando infatti il risultato di ieri, attacca duramente il Sindaco e la sua amministrazione.
Un attacco che non rende giustizia al lavoro di un’amministrazione che in questi anni e in questi mesi si è spesa con tutte le proprie forze per l’interesse della città e dei suoi cittadini.

Le parole che si leggono dalla pagina fb del Senatore, tra l’altro marito della consigliera comunale 5 stelle Marta Matano, “tra poco ci divertiremo, sono commissario di vigilanza su CDP” sono inaccettabili e non possono passare sotto silenzio. Vergognoso che un Senatore della Repubblica, di un movimento politico che ha fatto dell’onestà e la morale la propria bandiera, minacci il ricorso al suo ruolo istituzionale all’interno di Cassa Depositi e Prestiti per interferire sulle scelte e sui progetti per la città, pur di danneggiare il Sindaco, ma di fatto lavorando contro la città e i suoi cittadini. E non è la prima volta!

Non possiamo dimenticare, infatti, con quali parole il Senatore Presutto, spinto da risentimento politico verso il Sindaco, si esprimeva in un’intervista a inizio anno, su una possibile norma in difesa dei Comuni e, quindi, anche di Napoli: “Credo ci siano i margini per lavorare a una legge speciale per Napoli, ma non con de Magistris. Bisogna trovare una soluzione per salvare il Comune, ma non aiutare chi l’ha portato in questa situazione”.

Parole vergognose da chi ha preso voti al Sud per rappresentare nel Paese un Sud diverso:  nelle parole del Senatore prevale un ragionamento politico tutto legato al suo movimento e non l’amore per la città di Napoli.
Auspichiamo che il senso istituzionale prevalga su un sentimento che ne snatura il fondamento e che il Senatore Presutto possa rivedere le sue inaccettabili affermazioni su una possibile ingerenza a danno della città, pur di attaccare il Sindaco de Magistris.
L’atto approvato ieri, dimostrazione di amore per la città, è il frutto di un lavoro politico e di rispetto delle istituzioni e non di accomodamento politico. Certo, tutto ciò è dififfcile da comprendere da parte di chi è stato disposto a ritrattare le proprie posizioni, dando vita ad un governo con la destra di Salvini e diventare la stampella politica delle peggiori azioni contro il Paese.
È per queste ragioni, che oggi ribadiamo con forza un concetto espresso dal Sindaco de Magistris nell’intervento conclusivo della giornata di ieri: la credibilità a livello nazionale del Sindaco de Magistris e della sua amministrazione è la dimostrazione del fatto che quando si lavora per il bene comune, e non per un vantaggio politico, si raggiungono obiettivi importanti che nessuna polemica o nessuna ritorsione potranno mai cancellare. Diversamente, chi lavora contro le città se ne dovrà assumere la responsabilità politica e ne dovrà rispondere alle elettrici e agli elettori.
Siamo certi che la Presidenza del Senato vigilerà affinché non accada che un Senatore della Repubblica minacci, utilizzando la propria funzione istituzionale, possibili ritorsioni che hanno l’effetto di provocare danni gravissimi alla città di Napoli solo per meri fini di interesse politico di parte.

Il Movimento demA

Previous post

La dignità delle persone non si ferma con l'ostruzionismo: demA, il Consiglio Regionale della Campania approvi la legge contro la violenza di genere e l'omotransfobia

Next post

demA. Il diritto al voto e la tutela della salute pubblica non sono diritti negoziabili sui tavoli della mediazione politica.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *