A leggere la rassegna stampa di questa mattina, ci chiediamo cosa sia accaduto ieri, perché qualcosa ci sfugge certamente.
Atto 1: Manfredi viene contestato ai quartieri, si allontana rapidamente, mentre va in scena un parapiglia che sfiora la rissa, tra diritto alla contestazione e provocazioni sotto banco.
Atto 2: Seguono le dichiarazioni stampa dei candidati, poi Maresca chiede spiegazioni all’altro candidato. E giù nuovi pesanti attacchi.
Atto 3: Qualcuno nel pomeriggio torna sul luogo della contestazione e decide di dare una lezione di “metodo” ai sostenitori di Maresca.
Così, tra numerosi e altri incredibili dettagli, su cui indagano gli organismi preposti, si riempiono oggi le pagine delle rassegne stampa.
Ci chiediamo se sia questo il livello che un magistrato in aspettativa e un ex rettore vorranno concederci per il resto della campagna elettorale, nel buon nome della collaborazione istituzionale e nel nome delle Istituzioni che rappresentano.
Con tanto di provocazioni lanciate: “Ci vediamo qui, ci vediamo lì”.
Signori, che qualcuno condanni le azioni, le provocazioni e faccia luce sulle spedizioni punitive, se riscontrate… non ne abbiamo alcun bisogno…. E se questo è il livello, se proprio non si riesce a dare il buon esempio, che non si scaglino poi le pietre….
Movimento demA
Previous post

demA aderisce al Pride 2021

Next post

Firma anche tu l'appello "Per una Calabria partigiana"

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *