da alessandrianews.it

In piazzetta della Lega il presidio organizzato da DemA Alessandria a sostegno del sindaco di Riace arrestato nei giorni scorsi. “Siamo arrabbiati e indignati, il ministro dell’Inferno Salvini responsabile di questo clima d’odio”

ALESSANDRIA – Un centinaio di persone si sono riunite nel pomeriggio di sabato 6 in piazzetta della Lega (nella foto tratta dal profilo Facebook di DemA Alessandria) per schierarsi idealmente al fianco di Mimmo Lucano, il sindaco di Riace arrestato con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Il presidio, che si è unito ai tanti in programma in altre piazze italiane, è stato organizzato da DemA Alessandria, gruppo locale del nuovo movimento politico fondato dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris.

“Siamo qui per schierarci al fianco di Mimmo e per difendere il modello di accoglienza di Riace. Accoglienza e integrazione sono oggi gravemente minacciati da un Governo intollerante e repressivo” dichiara Andrea Malacarne, esponente di DemA Alessandria.
“Mimmo è un esempio di come si possa non perdere l’umanità in tempi bui. Perchè essere Sindaco significa anche e soprattutto costruire modelli accoglienti con i migranti. Perchè il modello Riace non ha nulla a che spartire con #mafiacapitale. Perchè lì l’unica cosa che conta sono le persone e le loro vite” si legge invece sulla pagina Facebook di DemA Alessandria.

“Siamo indignati ed arrabbiati” ha aggiunto poi Fabio Scaltritti, presidente della Comunità San Benedetto al Porto, “è inaccettabile assistere a questa campagna denigratoria scatenata nei confronti di Mimmo Lucano e del sistema accoglienza più in generale. Il ‘ministro dellìInferno’ Salvini è responsabile di questo clima d’odio. Dobbiamo fargli capire che c’è chi ha deciso di opporsi alla sua politica e alla sua propaganda autoritaria ed intollerante”.

“Qualcuno potrebbe chiedersi cosa ci faccia un anarchico in piazza a sostegno di un sindaco” aggiunge Salvatore Corvaio del laboratorio anarchico PerlaNera, ” Io dico che in questo momento noi siamo prima di tutto dalla parte di un uomo, molto prima che di un sindaco, che sta cercando di diffondere un modello sociale che dovrebbe essere imitato da tutti gli amministratori del nostro Paese”. Alla manifestazione si sono uniti anche i membri dei comitati antidiscarica di Sezzadio.

Domenica 14 alle 21 alla Casa di Quartiere in via Verona verrà presentato il libro di Tiziana Barllà “Mimì Capatosta – Mimmo Lucano e il progetto Riace’, sorta di biografia sociale del sindaco calabrese e del suo modello amministrativo virtuoso.

7/10/2018
Alessandro Francini – redazione@alessandrianews.it

 

Previous post

demA a Riace a sostegno di Mimmo Lucano. #L'umanità non si arresta!

Next post

DDL PILLON: Restaurazione in Campo

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *