Il 2019 si apre con la bella notizia di alcuni sindaci contro il cosiddetto decreto Salvini.

I dubbi che questi sollevano sono legittimi. Noi crediamo che sia folle privare l’accesso ad un richiedente asilo al servizio nazionale sanitario, così come è altrettanto folle che un figlio di un richiedente asilo non possa andare a scuola ed è infine folle vedere la fine della protezione umanitaria. Migliaia di persone diventeranno illegalmente presenti sul territorio, perdendo alloggio e lavoro, e non potendone cercare un altro incrementeranno il mercato di chi opera nell’illegalità.

La Legge voluta da Salvini è una pericolosa miccia accesa su tutte le nostre città, una miccia il cui unico scopo è quello di generare insicurezza sociale.

Noi stiamo con chi disobbedisce alle leggi nazionali ed obbedisce alla Costituzione.

«Penso che il “decreto Salvini” – dichiara Deborah Montalbano, portavoce consiliare di demA Torino – non sia una buona legge. Troppi sono gli elementi pessimi, sia dal punto amministrativo sia dal punto di vista morale. Ritengo che la legge 113/2018 vada completamente riscritta. Rischia di generare insicurezza nella gestione interna del fenomeno migratorio e rischia di generare un caos sociale attraverso i provvedimenti di sgombero. Mi riferisco alla crociata leghista contro gli occupanti di immobili, che è una vera persecuzione e che bisogna respingere con tutti i mezzi istituzionali. Il risultato è che si creerà un caos. Migliaia di famiglie (migranti e italiane) finiranno per strada, senza nessuna risposta dallo Stato e dai Comuni, incapaci di fornire strutture e risorse per trovare soluzioni abitative alternative. Si tratta di un Governo che prende in giro poveri e disperati, ai quali viene tolta persino la possibilità di elemosinare. Voglio quindi esprimere la solidarietà di demA Torino a tutti quei sindaci che non obbediscono alla legge 113/2018, la quale presenta un profilo di illegittimità costituzionale. Sottolineo che c’è un silenzio assordante da parte dei sindaci del Movimento 5 Stelle, in particolar modo della sindaca Chiara Appendino, proprio laddóve la sua maggioranza ha votato un ordine del giorno della minoranza in cui chiedeva al Governo di rivedere il Decreto Salvini».

Commenti
Post precedente

Il Movimento demA denuncia con preoccupazione la ripresa della corsa agli armamenti

Post successivo

demA ai Sindaci della provincia: “Disobbedite al decreto Salvini, obbedite alla Costituzione”

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *