La bocciatura della legge regionale sull’autismo da parte della Corte Costituzionale segna il punto più basso raggiunto dal commissario alla sanità della Campania Vincenzo De Luca. Migliaia di famiglie campane vedono tradite tutte le promesse fatte da De Luca, dominus del Pd Campano. Ancora una volta vengono calpestati in malo modo i loro diritti.

L’inettitudine del commissario nonché Presidente della Regione, questa volta viene certificata da una sentenza della Suprema Corte con cui si ribadisce l’obbligo di rispettare e di attuare i livelli di assistenza per i minori affetti da problemi neuropsichiatrici e dello spettro autistico: obbligo che è rimasto sempre lettera morta da quando è iniziata la disastrosa gestione targata De Luca.

E’ gravissimo che la Corte bocci totalmente l’operato del consiglio regionale dichiarando tutti gli articoli della legge incostituzionali: la malapolitica ancora una volta danneggia i più deboli ed indifesi.

La segreteria politica di demA

Dipartimento Salute – Ciro Amante

Dipartimento Sociale – Anna Riccardi

Dipartimento Scuola e Università – Annamaria Palmieri

Commenti
Post precedente

La Giunta Cuttica chiude le porte di Palazzo Rosso alla cittadinanza

Post successivo

Figlio di due madri: Acqui nega i suoi diritti

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *