La responsabilità morale dell’esecuzione di Hevrin Khalaf è della comunità internazionale, che ha abbandonato il popolo siriano, voltato le spalle ai curdi e spianato la strada per un ritorno del terrore dello Stato Islamico.
Colpendo Hevrin, si è voluto infliggere un duro colpo a tutti coloro che si battono per una Siria in cui possano vivere pacificamente curdi, cristiani-siriani e arabi.
Il suo coraggio e quello di tutte le donne curde che si sono battute per la libertà e per un mondo più giusto continueranno a camminare sulle nostre gambe.

Alessandra Sardu

Responsabile Nazionale Dipartimento Estero

Commenti
Post precedente

demA aderisce alla manifestazione di sabato 12 in solidarietà al popolo curdo

Post successivo

Ungheria, elezioni amministrative: Orban perde Budapest!

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *