“La sentenza della Corte di Cassazione in merito alla sottrazione di fondi pubblici da parte della Lega dimostra che il partito di Salvini è uguale a quelli della prima repubblica. Sembra di tornare ai tempi di Tangentopoli:  l’inchiesta sulla sparizione dei 49 milioni di euro e usati per spese private coinvolge Umberto Bossi, l’attuale presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e il Ministro degli Interni Matteo Salvini. La questione morale è più viva che mai e ci sorprende molto il silenzio di chi è al governo con la Lega che ha fatto della lotta alla corruzione una sua bandiera. Ci spiace per i meridionali che sono andati a Pontida, messi in vetrina da Matteo Salvini come dimostrazione della sua presenza al Sud, e definiti “mantenuti” da  Bossi, l’uomo della truffa da 49 milioni di euro. Il Mezzogiorno non piega la testa alla subalternità, il Sud è ribelle”

ENRICO PANINI, SEGRETARIO NAZIONALE DEMA

http://m.espresso.repubblica.it/inchieste/2017/09/28/news/esclusivo-salvini-ha-usato-i-soldi-della-truffa-di-bossi-1.311009

Commenti
Post precedente

Sul filo della barbarie, tra ferocia e incoscienza istituzionale

Post successivo

Il movimento demA aderisce alla manifestazione internazionale "Ventimiglia città aperta" del 14 Luglio 2018

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *