Venerdì 24 Maggio gli studenti di tutto il mondo scenderanno nelle piazze delle loro città per il secondo sciopero globale per il clima e si confronteranno su vari temi ambientali e su come agire per promuovere la tutela dell’ambiente.
Dopo lo sciopero del 15 marzo, che ha visto scendere in piazza 2 milioni di persone in tutto il mondo, di cui 350.000 solo in Italia, il movimento Fridays For Future, ritorna, dopo 70 giorni, ad occupare le piazze per sensibilizzare i governi e le imprese a rispettare il pianeta, per richiamare l’attenzione di tutti e tutte sull’emergenza climatica che stiamo vivendo, per ribadire che serve un cambiamento radicale, che deve essere fatto secondo criteri di equità, facendo pagare a chi ha inquinato il prezzo della riconversione, e non scaricandolo sulle classi sociali più deboli.
In Italia sono tantissime le città che hanno aderito all’appello del movimento Fridays For Future per ribadire che la difesa del suolo, dell’aria, dell’acqua, della salute e dei diritti di tutte le specie, sono priorità non più delegabili. Giustizia climatica non è solo uno slogan, ma un punto fermo delle richieste dei tanti studenti che manifesteranno nelle strade e nelle piazze delle città di tutto il mondo, consapevoli che salvare il pianeta può e deve essere occasione di sviluppo, innovazione, lavoro e opportunità.
Come movimento ” demA” aderiamo alla giornata e parteciperemo a tutte le piazze delle città in cui siamo presenti, convinti che in questo momento storico il nodo del clima e della giustizia ambientale rappresenti una priorità assoluta, non procrastinabile e non negoziabile sui tavoli della mediazione politica. Uniremo la nostra voce alla voce dei tanti giovani affinché alle parole seguano i fatti. Il diritto alla salute non può essere oggetto di partite di scambio, è necessario un immediato cambio di rotta che individui azioni concrete per lo sviluppo di un sistema economico più sostenibile per l’ambiente, in cui siano ridotti il consumo energetico e le deforestazioni. “Con l’esempio e con la voce faremo vedere al mondo dov’è la differenza, dov’è il cambiamento”. Noi ci saremo, perché ci riguarda! Vi chiediamo di esserci, perché vi riguarda!
#Fridaysforfuture
Movimento demA

Commenti
Post precedente

Sono forse tornati i tempi del MinCulPop, il ministero fascista della cultura popolare?

Post successivo

Cari elettori, impariamo dagli studenti della professoressa di Palermo!

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *