Il movimento demA aderisce convintamente alla manifestazione indetta a Napoli per sabato pomeriggio in solidarietà al popolo curdo e contro l’assurda invasione del Rojava da parte dell’esercito turco.

La nostra città in questi anni ha espresso più volte la propria solidarietà e vicinanza all’esperienza di autogoverno democratico dei cantoni del Nord della Siria, attribuendo la cittadinanza onoraria al leader curdo Apo Ocalan e stingendo un patto di amicizia con Kobane, una delle principali città del Rojava.
Gesti partigiani con cui abbiamo scelto di schierarci contro L’equilibrismo e l’ipocrisia internazionale e a favore di chi ha di fatti liberato la Siria dallo Stato Islamico.
Oggi che, con la vergognosa complicità del governo americano, il confederalismo democratico e il suo modello di società basato sulla democrazia radicale e sulla uguaglianza di genere è sotto attacco, non possiamo che raccogliere la “chiamata all’azione” che viene da questo popolo resistente e scendere per le strade della nostra città, denunciando l’assurdo oltraggio di Erdogan.
È necessario che il nostro paese prenda immediatamente posizione, che interrompa ogni relazione diplomatica con la Turchia fino al “cessate il fuoco” e che faccia pressione sull’Europa per una condanna effettiva e non solo formale.
Questa è l’occasione per noi europei di rompere il ricatto di Erdogan che da anni tiene sotto scacco l’Unione, minacciando di aprire la frontiera ai 3 milioni e mezzo di rifugiati siriani stipati nei campi turchi.
Un ricatto fondato sulla sofferenza delle persone e sull’ imbarbarimento dei popoli europei. Un ricatto destinato ad alimentare altra sofferenza che va respinto al mittente.

Movimento demA

Commenti
Post precedente

PIU' CHE TAGLI DEL NUMERO DEI PARLAMENTARI, UNA DEMOCRAZIA TAGLIATA!

Post successivo

La responsabilità morale dell'esecuzione di Hevrin Khalaf è della comunità internazionale

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *