L’emergenza incendi di questa orribile estate 2017 genera una serie di problematiche, solo apparentemente secondarie, che rischiano di non trovare la attenzione per valutazioni su prevalenti priorità: è il caso,  tra gli altri,  della salvaguardia delle specie animali selvatiche del nostro territorio regionale. Con gli incendi di questi giorni sono andati in fumo siti strategici che sono utilizzati dagli uccelli migratori: ciò vuol dire che, al di là degli animali perduti e del salto di una generazione per numerose specie bruciate, vi è da considerare l’impossibilità per le specie migratrici e svernati di trovare idonei luoghi di pasturazione e predazione con evidenti pericoli di sopravvivenza specialmente per i migratori. 
Considerando che il calendario venatorio della regione Campania per la stagione di caccia 2017 – 2018 (Delibera della Giunta Regionale n. 335 del 14/06/2017) prevede la preapertura per talune specie già il 1° settembre 2017 e la totale apertura della stagione il 1° ottobre e che già dal 2 agosto è prevista la riapertura del periodo di addestramento cani (con conseguente disturbo alla fauna selvatica), il movimento demA ritiene della massima urgenza lanciare una petizione popolare intesa a sollecitare i Governanti ed Amministratori  dell’Italia Meridionale e delle Grandi Isole affinché si adoperino concretamente per tutelare la sopravvivenza delle specie animali selvatiche dei nostri territori e per chiedere con forza il blocco della stagione faunistica per l’anno 2017/2018. 

Nel pomeriggio di oggi abbiamo partecipato all’assemblea “Stop Biocidio” in Via Mezzocannone insieme ai tanti comitati ambientalisti ed abbiamo chiesto che tale petizione diventi una priorità della piattaforma.

Inolte, il Movimento DEMA in queste giornate concitate, ha condotto insieme al Sindaco de Magistris un’attenta ricognizione delle urgenze e in questi giorni è atteso un intervento amministrativo deciso e innovativo della Città Metropolitana in ordine al monitoraggio,  alla tutela e alla tutela ambientale e di controllo delle bonifiche.

di Salvatore Pace

Commenti

Commenti

commenti

Post precedente

Napoli vince il premio “Good Practice City”

Post successivo

Bagnoli: Decide la Città, vince la Città!

2 Commenti

  1. Francesca
    20 luglio 2017 at 16:01 — Rispondi

    Sono d’accordo alla petizione. Ma intuire anche un fondo come è stato darti per cotta della scienza ovvero 2 euro per acquistare un albero e quello che avanza si comprano Ke telecamere. Tutti i napoletani parteciperebbero

  2. Vincenzo
    20 luglio 2017 at 22:53 — Rispondi

    Impegnate i volontari della ANPANAFMC Napoli pronti come già hanno fatto a salvaguardare il territorio Campano.

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *