Ciò che i comitati denunciavano dal giorno del “contratto di governo” fra Movimento Cinque Stelle e Lega è ieri diventato realtà. Il Ministro Toninelli ha annunciato su facebook il risultato dell’analisi costi/benefici e ha comunicato che è ferma intenzione del Governo proseguire i lavori di costruzione della grande opera più contestata della storia del basso Piemonte. I numeri sono solo un paravento dietro cui nascondere la mancata volontà di mettere in discussione il sistema grandi opere, quello che il Movimento 5 Stelle definiva il bancomat dei partiti foriero della corruzione nel nostro paese.

In campagna elettorale Di Maio aveva definito il Terzo Valico inutile e dannoso e aveva promesso che con loro al Governo del paese quei soldi sarebbero stati destinati per opere veramente utili come il trasporto pendolari e la messa in sicurezza del territorio dal dissesto idrogeologico.

Invece il Movimento 5 Stelle ha deciso di tradire migliaia di persone che in basso Piemonte e in Liguria avevano votato questa compagine politica proprio per la sua promessa di fermare questa grande opera inutile.
Si ripere il copione dell’Ilva di Taranto, del Tap e del Muos. Il Governo fa esattamente il contrario di ciò che il Movimento 5 Stelle sosteneva in campagna elettorale.

“E’ una pagina bruttissima – dichiara Andrea Malacarne, coordinatore di demA Alessandria – l’ennesima dimostrazione di come i grillini siano pronti a tradire le loro idee pur di stare al Governo del paese con Matteo Salvini. Noi, a differenza loro, non abbiamo cambiato idea e continuiamo ad essere fermamente convinti che questa opera vada fermata. Perché non serve, è pericolosa per la salute di tutti a causa dell’amianto, ha un impatto devastante per il nostro territorio.”
“Il nostro abbraccio – conclude Malacarne – va alle donne e agli uomini dei comitati che con coraggio e generosità si sono battuti in questi anni in difesa della loro terra. Noi continueremo a essere al loro fianco e siamo in campo per costruire un’alternativa politica anche a chi diceva di voler combattere il sistema e oggi ne è diventato parte”.

 

Commenti
Post precedente

Utilizzo sperimentale del taser ad Alessandria? “Ennesima assurdità di questa Giunta”

Post successivo

Torino, per la costruzione di un nuovo spazio politico

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *